RSPI 2016/3


Francesco Bonini

 

Francesco Bonini (Reggio Emilia 1957) è professore ordinario di Storia delle istituzioni politiche alla LUMSA di Roma, di cui è rettore dal 2014. Alunno della Scuola Normale Superiore di Pisa e Docteur in Science Politique all’IEP di Parigi, ha insegnato all’Università Cattolica di Milano (1992- 1996) di Teramo (1993-2011), La Sapienza Università di Roma (2005-12) e LUMSA (dal 1996).

I suoi interessi di studio vertono sulla storia e l’analisi amministrativa e costituzionale, tanto su singole istituzioni, quanto nei profili di ricostruzione sintetica. Si è occupato di istituzioni italiane e francesi, europee, canadesi, di circoscrizioni amministrative, di istituzioni sportive italiane e internazionali e di università.

Tra i suoi volumi: Amministrazione e costituzione. Il modello francese (Carocci 1999), Storia costituzionale della Repubblica. Un profilo dal 1946 ad oggi (Carocci 2006), Le istituzioni sportive italiane. Storia e politica (Giappichelli 2007).


Chiara d’Auria

Chiara d’Auria è ricercatrice confermata in storia contemporanea (M-STO/04) presso l’Università degli Studi di Salerno, Dipartimento di Studi Umanistici (DipSUM), sezione di Studi Storici, e docente di Storia contemporanea presso il Dipartimento di Scienze del Patrimonio Culturale (DISPAC). Ha conseguito l’Abilitazione scientifica nazionale come professore associato nel settore concorsuale 14-B2. Ha insegnato Storia delle relazioni internazionali presso La Sapienza Università di Roma, Dipartimento di Studi Orientali.

E’ stata docente di storia delle relazioni internazionali  (2005-2007) e di storia contemporanea (2008-2011) presso l’Università degli Studi della Tuscia.

I suoi ambiti di ricerca sono: storia contemporanea dell’Asia sud-orientale; storia delle relazioni internazionali dell’Asia sud-orientale; storia della Cina contemporanea; storia delle relazioni internazionali della Repubblica Popolare Cinese; storia contemporanea dei paesi dell’America centrale; politica internazionale della Cina repubblicana; relazioni bilaterali tra RPC e Repubblica Popolare Democratica di Corea (Corea del Nord).

Ha effettuato visiting scholarships visiting professorships a: Biblioteque de l’Asie, Centre d’études sur la Chine moderne et contemporaine dell’École des hautes études en sciences sociales di Parigi; l’École française d’Extrême-Orient di Parigi; l’Institut National des langues et civilisations orientales di Parigi; l’Institut Français des Relationes Internationales di Parigi; Institute of China Studies della University of Malaya di Kuala Lumpur (Malaysia); Institute für Asien-und Afrikawissenschaften, Philosophische Fakultät III, Humboldt-Universität, Berlin; University of Amsterdam; Universidad de Costa Rica, Escuela de Ciencias Politicas, Sede de San Josè de Costa Rica e la Sede de Guanacaste y Santa Cruz.

Tra le sue pubblicazioni, La formula politica del Costa Rica: un nuovo patto sociale?, in Africana. Rivista di studi extraeuropei, vol. XXI, 2015, pp. 37-41, ISSN 1592-9639 (2016); Il pragmatismo flessibile. “Tigri” del Sud-est asiatico e Cina tra ‘constructive engagement’ e ‘hépíng juéqì’, Viterbo, edizioni Settecittà (2010); e “tigri” asiatiche. Singapore, Thailandia ed Indonesia tra crescita ed evoluzione. Analisi comparativa sui sistemi politici ed economici dei paesi del Sud-Est Asiatico, Viterbo, Edizioni Settecittà (2004).

 


Francesco Carlucci

croce roma Francesco Carlucci

01.05.1980-31.10.1980 Assistente Ordinario, Facoltà di Scienze Statistiche, Università “Sapienza” di Roma

01.11.1980-31.10.1983 Professore Ordinario di Statistica Metodologica, Università “Cà Foscari” di Venezia

01.11.1983-31.10.2011 Professore Ordinario di Econometria, Facoltà di Economia, Università “Sapienza” di Roma

01.11.2001-31.10.2006 Professore di Integrazione Economica Europea, Facoltà di Economia, Università “Sapienza” di Roma

Dall’1.11.2011 Professore di Econometria, Facoltà di Economia, Università “Sapienza” di Roma

Autore di più di 90 articoli e monografie scientifici


Andrea Francioni

Andrea Francioni ha conseguito la laurea in Scienze Politiche presso l’Università di Siena nel 1992. Dottore di ricerca in Storia dell’Africa (1998), dal 2005 è professore associato di Storia delle relazioni internazionali presso il Dipartimento di Scienze politiche e internazionali dell’Università di Siena, dove insegna Storia delle relazioni internazionali II, Storia dell’Asia e Storia dell’Africa. Nel corso degli anni ha svolto ricerche presso archivi, biblioteche ed altre istituzioni culturali in Italia e all’estero: Londra (The National Archives; School of Oriental and African Studies; The British Library), Parigi (Archives Diplomatiques du Ministère des Affaires Étrangères; Bibliothèque Nationale), Uppsala (Nordiska Afrikainstitutet), Ginevra (Stefano Toscani Private Papers), Oxford (Bodleian Library), Belfast (The McClay Library – Queen’s University), Bristol (Chinese Maritime Customs Project – University of Bristol), Pechino (Beijing Foreign Studies University). È autore di due monografie e di numerosi saggi e articoli sulla diplomazia dell’imperialismo. I suoi attuali interessi di ricerca comprendono la politica estera della Cina delle modernizzazioni e l’imperialismo occidentale nella Cina degli ultimi Qing. È membro della Association for Asia Studies (Ann Arbor, Michigan) e della Società italiana di Storia internazionale (Padova). È membro del consiglio scientifico di “Africana – Rivista di studi extraeuropei”.


Carlo Curti Gialdino


Giampaolo Malgeri

Giampaolo Malgeri è professore associato di Storia delle relazioni internazionali presso il Dipartimento  di Scienze economiche, politiche e delle lingue moderne della Libera Università Maria SS. Assunta (LUMSA), dove insegna anche Storia dell’integrazione europea. Dall’ottobre del 2015 è presidente del Corso di laurea triennale in Scienze politiche internazionali e dell’amministrazione nel medesimo Ateneo.

Ha svolto attività didattica e di ricerca presso La Sapienza Università di Roma, l’Institute of Ethiopian Studies, l’Uniwersytet Jagiellonski di Cracovia, l’Università degli studi di Pisa, dove ha conseguito il dottorato di ricerca in “Storia, istituzioni e relazioni internazionali dei Paesi extraeuropei”. Collabora da anni con l’Istituto Luigi Sturzo e la Fondazione Alcide De Gasperi. Studioso della politica estera e coloniale italiana si è occupato, in particolare, dei rapporti dell’Italia con il Corno d’Africa e della politica europea e mediterranea dell’Italia repubblicana. E’ membro della Società Italiana di Storia Internazionale (Padova) e del Comitato Scientifico di Res Publica. Rivista di studi storico-politici internazionali. Tra le sue pubblicazioni Una politica per l’oltreconfine. Le relazioni italo-britanniche nell’Etiopia nord-occidentale (1902-1914), Roma 2005; I deportati libici nel periodo coloniale (1911-1916). Raccolta documentaria, a cura di Giampaolo Malgeri e Salaheddin Hasan Sury, Roma-Tripoli 2005; La Democrazia cristiana di fronte alla Comunità europea di difesa, in La Comunità Europea di Difesa (CED), a cura di P.L. Ballini, Soveria Mannelli 2009; L’egemonia su Gondar. I tentativi di penetrazione italiana in Etiopia nord-occidentale tra diplomazia e commercio (1906-1914), in Storia, cultura politica e relazioni internazionali. Scritti in onore di Giuseppe Ignesti, a cura di Giampaolo Malgeri e T. Di Maio, Soveria Mannelli 2015.


Marco Mugnaini

Marco Mugnaini è professore associato di Storia delle relazioni internazionali all’Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali, dove insegna Storia delle relazioni internazionali e Storia delle organizzazioni internazionali. È stato ricercatore del CNR per l’estero. Ha partecipato a diversi gruppi di ricerca nazionali e internazionali. Ha coordinato il progetto 70 anni di storia dell’ONU. 60 anni di Italia all’ONU. È autore di saggi e monografie. Tra i suoi libri: Le Spagne degli Italiani. La “penisola pentagonale” tra politica internazionale e storiografia, 2002; L’America Latina e Mussolini. Brasile e Argentina nella politica estera dell’Italia (1919-1943), 2008; Diplomazia multilaterale e membership ONU. Prospettive di storia delle relazioni internazionali, 2015; e come curatore: Stato, Chiesa e relazioni internazionali, 2003; Politica estera dell’Italia e dimensione mediterranea: storia, diplomazia, diritti (con S. Beretta), 2009; L’America Latina tra ieri e oggi. Prospettive interdisciplinari, 2013.


Liliana Mosca

Docente di Storia e istituzioni dei Paesi afro-asiatici -Università degli Studi di Napoli “Federico II” ha svolto soprattutto ricerche incentrate sulla storia del sud-ovest dell’oceano Indiano con particolare attenzione all’isola del Madagascar e al Corno d’Africa; in questo caso trattando temi anche di politica estera degli Stati Uniti. Fra le sue principali pubblicazioni: Il Madagascar nella vita di Raombana primo storico malgascio (1809-1855), Napoli, Giannini; Ralph Linton nel Madagascar (1925-1927). Una fonte per la storia della Grande Isola dell’oceano Indiano, Napoli, Luciano Editore; Speciale Madagascar a cura di Laura Aga-Rossi e Liliana Mosca,  “Bérénice”, anno XI, n. 27; Speciale Madagascar (II parte) a cura di Laura Aga-Rossi e Liliana Mosca , “Quaderni di Bérénice”, n.4; Slaving in Madagascar: English and Colonial Voyages in the second Half of the 17th century, in Tadia – The African Diaspora in Asia: Explorations on a less Known Fact a cura di Kiran Kamal Prasad e Jean-Pierre Angenot, Bangalore, Jana Jagrati Prakashana; L’Africa potenza  economica mondiale nel 2050?  “Afriche e Orienti”,n.1-2; La guerra fredda nell’oceano Indiano occidentale da Truman a Nixon (1947-1974), in particolare in Etiopia e in Somalia , “Afriche e Orienti”,n. 3-4.


Paolo Soave

Paolo Soave, Ricercatore in Storia delle Relazioni Internazionali presso l’Alma Mater Studiorum-Università di Bologna, si occupa in particolare di temi di storia della politica estera italiana e degli Stati Uniti, di storia del Mediterraneo. Fra le sue principali pubblicazioni: La democrazia allo specchio. L’Italia e il regime militare ellenico 1967-1974, Soveria Mannelli 2014; La scoperta geopolitica dell’Ecuador. Mire espansionistiche italiane ed egemonia del dollaro 1919-1943, Milano 2008; La rivoluzione americana nel Mediterraneo. Prove di politica di potenza e declino delle reggenze barbaresche 1795-1816, Milano 2004; Fezzan: il deserto conteso (1842-1921), Milano 2001.


Fiorenza Taricone

Laureata in Filosofia (Università Roma Sapienza, 1978) e in Lettere (Università Roma Sapienza 1980). Diploma di Perfezionamento in Storia Moderna, (Università Roma Sapienza 1982).Diploma di Biblioteconomia, Scuola pontificia di Biblioteconomia(1986), Diploma in Paleografia, Diplomatica e Archivistica in Scuola Pontificia di Paleografia, Diplomatica e Archivistica(1987).

Componente del Dottorato di Pensiero politico e Gender’s Studies, Università Roma Tre. Fra le fondatrici del Centro Interuniversitario per gli studi sulla donna nella storia e nella società (C. I. S. D. O. S. S.). Presidente del Comitato Pari Opportunità Università di Cassino (2000-2010). Presidente del Cudari (Centro Universitario Diversamente Abili Ricerca Innovazione) (2010-2014). Presidente del Comitato Unico di Garanzia, Università di Cassino e Lazio Meridionale. Componente del Senato Accademico. Attualmente Ordinaria di Storia delle dottrine politiche presso l’Università degli Studi di Cassino e Lazio Meridionale. E’ autrice di saggi e monografie, particolarmente centrati su tematiche quali l’associazionismo tra Ottocento e Novecento, l’evoluzione dei diritti civili e politici, interventismo e pacifismo. Per la Commissione Nazionale Parità, di cui ha fatto parte dal 1994 al 1996, ha curato due volumi, il primo insieme a Mimma De Leo, dal titolo Elettrici ed elette. Storia, testimonianze, riflessioni a cinquant’anni dal voto alle donne, 1995. Il secondo con Mimma De Leo e Marina Addis Saba, dal titolo Alle origini della Repubblica: donne e costituente, 1996. Tra le sue pubblicazioni, Teresa Labriola. Biografia politica di un’intellettuale fra Ottocento e Novecento (Milano, 1994), L’associazionismo femminile in Italia dall’Unità al Fascismo (Milano, 1996), Ausonio Franchi. Democrazia e libero pensiero nel XIX secolo(Genova, 1999), Isabella Grassi Diari(1920-’21). Associazionismo femminile e modernismo(Genova, 2000), Il Centro Italiano Femminile dalle origini agli anni settanta(Milano, 2001), Teoria e prassi dell’associazionismo italiano nel XIX e XX secolo, (Cassino, 2003), Elementi di storia delle dottrine politiche(Minturno, 2006), e Il sansimoniano Michel Chevalier: industrialismo e liberalismo(Firenze,2007).   Le più recenti: Ginevra Conti Odorisio-F. Taricone, Per filo e per segno. Antologia di testi politici sulla questione femminile dal XVII al XIX secolo, (Torino, 2009), Donne e guerra. Dire, fare, subire (Latina, 2009), Ottocento romantico e generi. Dominazione, complicità, abusi, molestie (Roma, 2013) e Louis Blanc e Mme d’Agoult (Daniel Stern) socialismo e liberalismo(Firenze, 2014).